Stone Island

I giacconi anni 80

© Le immagini potrebbero essere soggette a copyright

Stone Island è un marchio di moda italiano molto diffuso negli anni 80 soprattutto tra i paninari. Fu un'azienda molto attiva per la produzione di giacche e jeans.

Il nome venne scelto dopo l'analisi dei vocaboli più ricorrenti nei romanzi di Joseph Conrad: Stone e Island. Il marchio nacque nel 1982 come risultato della ricerca estrema su fibre e tessuti mai utilizzati prima dall'industria dell'abbigliamento, e grazie al genio di Massimo Osti, che rimase alle direzione creativa fino al 1995.

I giacconi realizzati con quella speciale tela che era stata creata, la "Tela Stella", ottennero subito successo e gli anni '80 segnarono una forte crescita del brand. Stone Island resta oggi un marchio di fascia medio-alta, controllato dalla Sportswear Company di Carlo Rivetti.

Carlo Rivetti ricorda così quell'anno particolarissimo:

E’ stato nel 1983 che ho conosciuto Massimo Osti, che un anno prima, in modo quasi casuale, aveva dato vita a Stone Island. Arrivò in azienda un tessuto speciale: una tela di un colore diverso per ciascun lato, utilizzata per realizzare i teloni dei camion. L’effetto era molto interessante ma c’entrava poco con lo stile di C.P. Company. Osti decise di fare con quel tessuto, la Tela Stella, un’operazione particolare e creò una collezione di soli sette giacconi. Il richiamo al gusto militare era molto forte con il famoso badge ispirato proprio ai gradi e alle mostrine militari. La Rosa dei Venti simbolizza l’amore per il mare e per una ricerca costante.

Massimo era almeno dieci anni avanti rispetto al resto del suo ambiente. Amava autodefinirsi un producer piuttosto che uno stilista. Il suo successo confermava che Stone Island non era solo interessante e vendibile, ma anche fedele al suo credo nell’abbigliamento informale. Le sue idee traevano origine dal mondo militare e del lavoro, affiancate da una ricerca tessile senza fine.

© Le immagini potrebbero essere soggette a copyright

Potrebbero interessarti


Scopri altri contenuti nella categoria Moda e Stili

© Le immagini potrebbero essere soggette a copyright

Braccialetti di plastica

Coloratissimi. Più ne avevi meglio era!

I braccialetti di plastica furono un accessorio di moda fondamentale per gli anni 80.  Quelli di cui parliamo erano sottili tubicini colorati,...

© Le immagini potrebbero essere soggette a copyright

Swatch

Gli orologi di plastica, icona degli anni Ottanta

Swatch  é una marca di orologi di proprietà di The Swatch Group, società svizzera. Swatch fu pensato in origine per ridare...

© Le immagini potrebbero essere soggette a copyright

Invicta

Lo zaino cult degli anni 80

Una collezione di zaini di differenti modelli e colori nata nel 1906 da un'azienda inglese produttrice di sacchi per la marina militare e divenuta...

© Le immagini potrebbero essere soggette a copyright

Americanino

Il jeans dei Paninari degli anni ’80

Alla fine degli anni settanta Adolfo Bardelle, autista di ambulanze all’ospedale di Chioggia, fondò, assieme ai soci Eugenio Schiena e...

© Le immagini potrebbero essere soggette a copyright

Paninari

Lo stile “troppo giusto” dei “Wild Boys”

Con il termine paninaro si identifica un fenomeno di costume giovanile nato nei primi anni ottanta a Milano, e da lì diffusasi in tutta...

© Le immagini potrebbero essere soggette a copyright

Cinture El Charro

Le cinture "paninare"

Nato nella metà degli anni ’8O, il brand Charro conquista rapidamente quote consistenti di mercato proponendo une stile country west...

© Le immagini potrebbero essere soggette a copyright

Naj-Oleari

Un marchio colorato e fantasioso!

Naj-Oleari è marchio storico fondato nel 1916 da Riccardo Naj-Olear, un chimico che comprò una piccola azienda di cotone a...

© Le immagini potrebbero essere soggette a copyright

Il chiodo

Il giubotto di Fonzie

Il chiodo è il nome con il quale in Italia viene indicato il giubbotto di pelle, tradizionalmente di colore...

Leggi la Privacy Policy

Registrazione non attiva