Collaborazione di Buscetta

blog-img

Il grande pentito della storia d'Italia

Con l'avvento del clan dei Corleonesi verso la fine degli anni 70,  sul territorio siciliano fu inevitabile lo scontro (la cd  "seconda guerra di mafia")  con le vecchie famiglie d'onore Palermitane.

Tommaso Buscetta all'epoca appartenva alla "vecchia mafia" e rifiutava la violenza e droga portate invece dall'ideologie  dalla "nuova mafia" e per questo decise di fuggire prima in Paraguay e poi in Brasile per non perire tra le due "forze" schierate.

Il 15 luglio del 1984 il giudice Falcone volò in Brasile per l'estradizione in Italia di un criminale, ritornando in patria  proprio  con Buscetta.

Da quel momentoByscetta fu considerto il grande pentito della storia d'Italia. Le sue rivelazioni non sono mai state smentite in alcuna circostanza e in alcuna sentenza.

Per onore di verità va specificato che Buscetta non si pentì mai, sebbene le sue confessioni furono oro colato per il giudice Falcone che grazie a lui riuscì a decifrare i codici di mafia fino a quel momento ignoti.

Tommaso Buscetta infatti non si pentì mai rispetto ai crimini commessi, piuttosto prese le distanze dall'organizzazione mafiosa di cui faceva parte e di cui non riconosceva più la matrice. Prese le distanze da quello che la mafia era diventata con i Corleonesi, non dalla mafia di cui lui aveva fatto parte.

I Corleonesi attuarno per la prima volta le cosiddette vendette trasversali: colpirono un fratello, un genero, un cognato e quattro nipoti di Buscetta. Due dei suoi otto figli, inoltre, furono vittime della cosiddetta "lupara bianca", cioè sparirono per non venire mai più ritrovati.

Le prime parole che si scambiarono Falcone e Buscetta da "collaboratori" furono queste, dirette dal pentito al giudice:

L'avverto, signor giudice. Dopo quest'interrogatorio lei diventerà forse una celebrità, ma la sua vita sarà segnata. Cercheranno di distruggerla fisicamente e professionalmente. Non dimentichi che il conto con Cosa Nostra non si chiuderà mai. E' sempre del parere di interrogarmi?

Falcone non ebbe paura, e proseguì con il suo lavoro.

   Video su

L'estradizione
§.1/- (estradizione & Storia) 15 Luglio 1984 Roma: Atterra Tommaso Buscetta, Estradato Dal Brasile

Potrebbero interessarti...

Alluvione della Valtellina
Fatti di cronaca

Alluvione della Valtellina

La Valtellina colpita da un immane disastro idrogeologico

Attentato alla discoteca di Berlino
Fatti di cronaca

Attentato alla discoteca di Berlino

L'attacco terroristico alla discoteca La Belle, a Berlino Ovest

Protesta di piazza Tienanmen
Fatti di cronaca

Protesta di piazza Tienanmen

L'opposizione degli studenti alla dittatura del regime

Strage dell'Heysel
Fatti di cronaca

Strage dell'Heysel

Un momento di grave lutto per tutto il mondo dello sport

Il gennaio del grande gelo
Fatti di cronaca

Il gennaio del grande gelo

Il mese di gennaio 1985 è indimenticabile per i disagi che provocarono freddo artico e grandi nevicate.

Strage ferroviaria di San Severo
Fatti di cronaca

Strage ferroviaria di San Severo

L'apocalisse sulla stazione di San Severo

Il tracciato del DNA
Fatti di cronaca

Il tracciato del DNA

Il fingerprinting genetico del DNA

Scioglimento Loggia P2
Fatti di cronaca

Scioglimento Loggia P2

Lo scioglimento della loggia massonica

Disastro aereo di Kegworth
Fatti di cronaca

Disastro aereo di Kegworth

Un terribile incidente con il nuovo Boeing 737-400

Affondamento del Komsomolec
Fatti di cronaca

Affondamento del Komsomolec

La tragedia del sottomarino russo