Biglie da spiaggia

blog-img

Ore e ore sotto al sole cercando di arrivare primi!

Le biglie da spiaggia erano uno dei giochi preferiti dai ragazzini sulle spiagge negli anni '80.

Erano di plastica divise a metà: la semisfera inferiore era colorata (ne esistevano davvero di tutti i colori) mentre la semisfera superiore era di plastica trasparente e lasciava intravedere una figura stampata su un dischetto di carta posto sulla base della semisfera.

DI solito raffiguravano o ciclisti (Moser era il preferito da tutti!) o le monoposto da Formula1.
Nel tempo ne sono state create altre con ulteriori stampe come ad esempio quelle con le squadre di calcio.

Il gioco era semplice: si ricreava un circuito sulla sabbia. Di solito si usava il bambino che pesava meno, lo si faceva sedere sulla sabbia e quello tra gli amici più forte lo trascinava per i piedi.
Il solco che si formava era la pista. 

Si formavano le squadre (o si giocava da soli) e con le schicchere si tiravano le palline cercando di non farle uscire dal tracciato o si era squalificati!
Chi arrivava primo, di solito al terzo giro, vinceva.

Potrebbero interessarti...

Playmobil
Giochi per ragazzi

Playmobil

Il mondo di plastica

Dolce Gelato
Giochi per ragazzi

Dolce Gelato

Il gelato... fatto in casa!

Pistola Elastic Simpaty
Giochi per ragazzi

Pistola Elastic Simpaty

La spara elastici per eccellenza

Color glass
Giochi per ragazzi

Color glass

Il gioco dell'arte del vetro

I puffi - Action figures
Giochi per ragazzi

I puffi - Action figures

Le famose miniature di Schleich ricreano gli originali Puffi creati da Peyo

Uno, il gioco di carte
Giochi per ragazzi

Uno, il gioco di carte

Un dei di carte giochi più diffusi al mondo

Jeeg Robot, il robot
Giochi per ragazzi

Jeeg Robot, il robot

Un robot snodabile con 13 punti di articolazione

Saltafoss
Giochi per ragazzi

Saltafoss

La bici, come una moto

Transformers - Action figures
Giochi per ragazzi

Transformers - Action figures

I primi giocattoli trasformabili

Subbuteo
Giochi per ragazzi

Subbuteo

Il calcio a portata di dita