Stanislav Petrov

blog-img

L'uomo che forse salvò il mondo

Il 26 settembre 1983 i sistemi di rilevamento sovietici segnalarono un attacco missilistico americano in direzione della Russia. Sembrava che fossero state lanciate 5 testate nucleari.
Davanti agli schermi radar c'era Stanislav Petrov, incaricato per questi casi di avvisare prontamente i superiori, che avrebbero subito avviato una rappresaglia missilistica.

Erano forse missili diretti su Mosca? Petrov dovette pensare su due piedi: sa che se avesse il comando si sarebbe scatenata quasi sicuramente la terza guerra mondiale.
Ma un dubbio iniziò a ronzargli in testa:  se gli americani attaccassero, lo farebbero solo con 5 testate.

Il colonnello decise di non avvisare subito l'alto comado: "Non c'era una regola esplicita su quanto tempo avevamo per riflettere su un segnale", spiegò Petrov anni dopo.

Il motivo è che Petrov aveva dei dubbi sui segnali visti. Un gruppo di operatori addetti ai radar satellitari non aveva visto alcun missile. Il segnale appariva inoltre troppo forte e chiaro per poter passare attraverso i 28 o 29 "checkpoint" di sicurezza previsti in caso di attacco.  

Per quella che comunque fu una mancanza a i suoi doveri, non fu processato, ma ebbe comunque la carriera bloccata. Fu premiato solamente dopo qualche anno del crollo dell'URSS.

Potrebbero interessarti...

Bud Spencer e Terence Hill
Personaggi

Bud Spencer e Terence Hill

Due indimenticabili facce da... no, loro le davano e basta!

Marco Columbro
Personaggi

Marco Columbro

Attore, doppiatore e ottimo conduttore televisivo

Lady Diana
Personaggi

Lady Diana

La principessa più amata

Duran Duran
Personaggi

Duran Duran

Il gruppo icona degli anni '80

Michail Gorbaciov
Personaggi

Michail Gorbaciov

Segretario PCUS Urss

Giovanni Spadolini
Personaggi

Giovanni Spadolini

Politico italiano

Bill Gates
Personaggi

Bill Gates

Il fondatore di Microsoft diventa l'uomo più ricco del mondo

Alberto Tomba
Personaggi

Alberto Tomba

Tomba la Bomba

Francesco Cossiga
Personaggi

Francesco Cossiga

Il presidente delle picconate