Intellivision

blog-img

La console di Mattel che ha tentato di sfidare Atari

La progettazione dell'Intellivision iniziò dal 1978, per opera di Mattel Electronics, il nome della sezione dell'azienda dedicata ai giochi elettronici.

In quel periodo il settore del mercato era dominato da Atari, con la sua console Atari 2600 (o Atari VCS; 1977). Intellivision riuscì a mettere seriamente in discussione il predominio assunto da Atari.
Venne prodotta una campagna pubblicitaria comparativa, con la partecipazione di George Plimpton, che attaccava senza riguardi le capacità dell'Atari 2600.

Nel suo primo anno di vita, furono venduti 175 000 esemplari di Intellivision ed il catalogo di giochi ammontava a 19 titoli. Fino a quel momento, i giochi sviluppati erano produzione da aziende terze come APH, in seguito la compagnia considerò molto più conveniente svilupparne in proprio, dedicando molte delle proprie risorse nella produzione del software e formando una squadra di sviluppo, composta originariamente da 5 membr.
Per proteggersi dalla rivale Atari, l'identità e il luogo di lavoro furono tenute segrete.

La console, che poteva essere collegata ad un televisore, fu la prima console a 16-bit, anche se alcuni si riferiscono erroneamente ad essa come a un sistema a 10 bit, dato che il set di istruzioni della CPU e delle cartucce era a 10 bit, un insieme di 10 bit di dati è definito "decle". I registri del microprocessore, luogo in cui si svolgono le operazioni logiche, erano estese a 16 bit.

Nel 1982, anno in cui la macchina fu distribuita anche in Europa e in Italia, le vendite furono alte: oltre 2 milioni di console portarono profitti alla Mattel per 100 milioni di dollari. Il crescente successo della Mattel richiamò l'attenzione di aziende che avevano già conseguito successi producendo titoli per Atari, come Activision, Coleco e Imagic.

I nuovi sistemi di gioco (Colecovision [1982], Atari 5200 [1982], e Vectrex [1982]) rubavano quote di mercato alla Mattel, e il crollo dei videogames del 1983 mise l'intero settore sotto pressione.
In agosto alla Mattel ci fu una massiccia riduzione del personale, e il prezzo dell'Intellivision II (che era di 150 dollari, al momento del lancio, nello stesso anno), fu ribassato a 69 dollari.

La Mattel Electronics accusò una perdita di 300 milioni di dollari. All'inizio dell'anno successivo, la divisione videogiochi venne chiusa - la prima vittima eccellente del "crash". 

   Video su

Recensione (ENG)
The Mattel Intellivision - Then And Now

Potrebbero interessarti...

Philips televisori
Elettronica

Philips televisori

Colore sempre vivo... Philips!

Polaroid Land Camera 1000
Elettronica

Polaroid Land Camera 1000

Semplicemente... "la Polaroid"

Windows 2.0
Elettronica

Windows 2.0

La seconda interfaccia grafica di Microsoft

Game & Watch
Elettronica

Game & Watch

Le prime mini-consolle. Poca grafica, ma tanto divertimento

Commodore 64
Elettronica

Commodore 64

Il Microcomputer. Il più venduto di sempre.

Radioregistratore
Elettronica

Radioregistratore

La musica a tutto volume... portata in giro!

IBM System
Elettronica

IBM System

I predecessori dell'As/400

Amiga
Elettronica

Amiga

Il secondo successo della Commodore

Intel 80486
Elettronica

Intel 80486

Il processore innovativo di Intel

Xerox Star
Elettronica

Xerox Star

Il primo computer con interfaccia grafica, finestre, icone e mouse