Reebok Pump

blog-img

Nate per il basket, divenute scarpe alla moda

Le Reebok Pump, prodotto dalla Reebok, con la loro linguetta con pompa ad aria e la valvola sul retro era la calzatura perfetta per gli sportivi. Ma ancheal di fuori del campo di basket si sono diffuse su tutti i marciapiedi.

Il team Reebok Advanced Concepts (RAC), creato alla fine degli anni ‘80, si dedicava a dare vita alle idee più innovative per conto del celebre marchio e divenne ben presto un punto di riferimento nell’universo sneakers.

Nel 1989, sul modello delle sneakers alte di fine anni ’80 e inizio anni ’90, Reebok lanciò le scarpe PUMP, divenute ben presto il biglietto da visita del marchio nel mondo del basket. Create a partire da un’idea del leader del gruppo RAC, Paul Litchfield, le PUMP rappresentavano una sfida non da poco, dato che all’epoca circolavano già idee per progetti simili.

Come riportato nell’archivio Reebok, la tecnologia PUMP è dotata di camere d’aria integrate che si gonfiano o sgonfiano per permettere alle parti della scarpa che avvolgono la caviglia di adattarsi al piede, fornendo stabilità e supporto. Il design delle gabbie pneumatiche è stato accuratamente studiato in modo da permettere solo a una limitata quantità di aria di raggiungere le parti più flessibili del piede e supportare il movimento.

Potrebbero interessarti...

Americanino
Moda e Stili

Americanino

Il jeans dei Paninari degli anni ’80

Braccialetti di plastica
Moda e Stili

Braccialetti di plastica

Coloratissimi. Più ne avevi meglio era!

Invicta
Moda e Stili

Invicta

Lo zaino cult degli anni 80

Metallari
Moda e Stili

Metallari

Quando il rock si fa duro

Casio
Moda e Stili

Casio

Il primo orologio digitale da urlo

Il chiodo
Moda e Stili

Il chiodo

Il giubotto di Fonzie

Fiorucci
Moda e Stili

Fiorucci

La moda pop: il successo degli anni 80

Espadrillas
Moda e Stili

Espadrillas

Le scarpe estive leggere e coloratissime!

Valsport
Moda e Stili

Valsport

Le scarpe col... boomerang

Paninari
Moda e Stili

Paninari

Lo stile “troppo giusto” dei “Wild Boys”