Collaborazione di Buscetta

Il grande pentito della storia d'Italia

© Le immagini potrebbero essere soggette a copyright

Con l'avvento del clan dei Corleonesi verso la fine degli anni 70,  sul territorio siciliano fu inevitabile lo scontro (la cd  "seconda guerra di mafia")  con le vecchie famiglie d'onore Palermitane.

Tommaso Buscetta all'epoca appartenva alla "vecchia mafia" e rifiutava la violenza e droga portate invece dall'ideologie  dalla "nuova mafia" e per questo decise di fuggire prima in Paraguay e poi in Brasile per non perire tra le due "forze" schierate.

Il 15 luglio del 1984 il giudice Falcone volò in Brasile per l'estradizione in Italia di un criminale, ritornando in patria  proprio  con Buscetta.

Da quel momentoByscetta fu considerto il grande pentito della storia d'Italia. Le sue rivelazioni non sono mai state smentite in alcuna circostanza e in alcuna sentenza.

Per onore di verità va specificato che Buscetta non si pentì mai, sebbene le sue confessioni furono oro colato per il giudice Falcone che grazie a lui riuscì a decifrare i codici di mafia fino a quel momento ignoti.

Tommaso Buscetta infatti non si pentì mai rispetto ai crimini commessi, piuttosto prese le distanze dall'organizzazione mafiosa di cui faceva parte e di cui non riconosceva più la matrice. Prese le distanze da quello che la mafia era diventata con i Corleonesi, non dalla mafia di cui lui aveva fatto parte.

I Corleonesi attuarno per la prima volta le cosiddette vendette trasversali: colpirono un fratello, un genero, un cognato e quattro nipoti di Buscetta. Due dei suoi otto figli, inoltre, furono vittime della cosiddetta "lupara bianca", cioè sparirono per non venire mai più ritrovati.

Le prime parole che si scambiarono Falcone e Buscetta da "collaboratori" furono queste, dirette dal pentito al giudice:

L'avverto, signor giudice. Dopo quest'interrogatorio lei diventerà forse una celebrità, ma la sua vita sarà segnata. Cercheranno di distruggerla fisicamente e professionalmente. Non dimentichi che il conto con Cosa Nostra non si chiuderà mai. E' sempre del parere di interrogarmi?

Falcone non ebbe paura, e proseguì con il suo lavoro.

 

© Le immagini potrebbero essere soggette a copyright
Video su YouToube
L'estradizione
§.1/- (estradizione & Storia) 15 luglio 1984 Roma: atterra Tommaso Buscetta, estradato dal Brasile

Potrebbero interessarti


Scopri altri contenuti nella categoria Fatti di cronaca

© Le immagini potrebbero essere soggette a copyright

Strage di via Carini

L'assassinio di Carlo Alberto dalla Chiesa

La strage di via Carini fu un'azione mafiosa in cui, il 3 settembre 1982 nella palermitana via Isidoro Carini, morirono il prefetto di Palermo e...

© Le immagini potrebbero essere soggette a copyright

Disastro di Bhopal

La strage della fabbrica di pesticidi

Il 3 dicembre del 1984 quaranta tonnellate di isoscianato di metile - utilizzato per produrre antiparassitari e pesticidi, annoverato tra i prodotti...

© Le immagini potrebbero essere soggette a copyright

Scioglimento Loggia P2

Lo scioglimento della loggia massonica

La Propaganda due (meglio nota come P2) è stata una loggia massonica aderente al Grande Oriente d'Italia, fondata nel 1877 col nome di...

© Le immagini potrebbero essere soggette a copyright

Arresto di Michele Greco

'U Papa arrestato dai Carabinieri

Michele Greco è stato un mafioso italiano, legato a Cosa nostra. Era soprannominato Il papa (in siciliano "u' Papa") per la sua...

© Le immagini potrebbero essere soggette a copyright

Il tracciato del DNA

Il fingerprinting genetico del DNA

Sir Alec John Jeffreys   è un genetista britannico che nel 1984 ha inventato le tecniche di fingerprinting genetico del DNA,...

© Le immagini potrebbero essere soggette a copyright

Attentato alla discoteca di Berlino

L'attacco terroristico alla discoteca La Belle, a Berlino Ovest

L'attentato alla discoteca di Berlino del 5 aprile 1986 è stato un attacco terroristico alla discoteca La Belle, a Berlino Ovest, in Germania...

© Le immagini potrebbero essere soggette a copyright

Naufragio della Michail Lermontov

La nave da crociera russa affondata in Nuova Zelanda

La Michail Lermontov è stata una nave da crociera sovietica della classe Ivan Franko naufragata nel 1986 a Marlborough Sounds, Nuova Zelanda....

© Le immagini potrebbero essere soggette a copyright

Omicidio di via Prati di Papa

L'assalto ad un furgone postale a Roma

Alle 8.50 del 14 febbraio 1987, una pattuglia del Reparto volanti di Roma (la "Volante 47") che scortava un furgone postale, tamponò il mezzo...

Leggi la Privacy Policy

Registrazione non attiva